lunedì 1 ottobre 2018

Gli ultimi fiori di zucca della stagione

In questo inizio di autunno ho ancora trovato sulle bancarelle dei contadini un mazzolini di fiori di zucca a cui non sono riuscita a resistere.

Ovviamente il loro destino era segnato: ripieni e fritti!

Ho voluto sperimentare, in alternativa al classico ripieno di mozzarella ed alice, una farcitura più delicata, ovvero ricotta, noci e maggiorana.

Una volta riempiti i fiori con questo delizioso composto li ho passati in una pastella leggera fatto con albume leggermente montato e farina di riso e fritti.

Sono spariti in un batter d'occhio!

martedì 25 settembre 2018

Decorazioni natalizie: stella ai ferri

Se quest'anno desiderare decorare il vostro albero di Natale in maniera diversa, vi propongo di realizzare queste simpatiche stelline tridimensionali, realizzata con 4 ferri.


Potete trovare le istruzioni per realizzare questa stella sul sito http://www.lanasyovillos.com e se non vi sono ben chiare potete anche guardare il chiarissimo tutorial che propone Alba.

E per chi non ha dimestichezza con l'inglese ecco le istruzioni tradotte:
Montare 95 maglie (rispettivamente 25 maglie su 3 ferri e 20 sul quarto).
1° ferro: lavorare in tondo a diritto tutte le maglie.
2° ferro: 8 diritti, 1 diminuzione (passare due maglie senza lavorarle, lavorare a diritto la maglia successiva ed accavallare le due maglie passate senza lavorarle), 16 diritti. Proseguire in questa maniera finchè vi rimarranno 8 punti che lavorerete a diritto (a questo punto avrete sui ferri 85 punti).
3° ferro: 7 diritti, 1 diminuzione, 14 diritti. Proseguire in questa maniera finchè vi rimarranno 7 punti che lavorerete a diritto (a questo punto avrete sui ferri 75 punti).
4° ferro: 6 diritti, 1 diminuzione, 12 diritti. Proseguire in questa maniera finchè vi rimarranno 6 punti che lavorerete a diritto (a questo punto avrete sui ferri 65 punti).
5° ferro: 5 diritti, 1 diminuzione, 10 diritti. Proseguire in questa maniera finchè vi rimarranno 5 punti che lavorerete a diritto (a questo punto avrete sui ferri 55 punti).
6° ferro: 4 diritti, 1 diminuzione, 8 diritti. Proseguire in questa maniera finchè vi rimarranno 4 punti che lavorerete a diritto (a questo punto avrete sui ferri 45 punti).
7° ferro: 3 diritti, 1 diminuzione, 6 diritti. Proseguire in questa maniera finchè vi rimarranno 3 punti che lavorerete a diritto (a questo punto avrete sui ferri 35 punti).
8° ferro: 2 diritti, 1 diminuzione, 4 diritti. Proseguire in questa maniera finchè vi rimarranno 2 punti che lavorerete a diritto (a questo punto avrete sui ferri 25 punti).
9° ferro: 1 diritto, 1 diminuzione, 2 diritti. Proseguire in questa maniera finchè vi rimarranno 2 punti che lavorerete a diritto (a questo punto avrete sui ferri 15 punti).
10° ferro: 5 diminuzioni (avrete solo 5 punti sui ferri).

Con una ago passate il filo attraverso le 5 maglie rimaste e tirarlo per chiudere il buco. Fermarlo e tagliarlo.

Realizzate una seconda stella.

Cucite le due stelle insieme inserendo l'imbottitura.

In alternativa, vi propongo le stelle realizzate all'uncinetto del mio primissimo post su questo blog.

lunedì 10 settembre 2018

Insalata di pollo

Se anche voi fate parte di quella categoria di lavoratori che hanno l'abitudine di portarsi il pranzo da casa, sapete bene con quanta difficoltà si cercano nuove ricette per un pasto, talvolta freddo, leggero ed appetitoso nel contempo

L'insalata di pollo è una ricetta molto versatile in cui cimentarsi anche in considerazione del fatto che è possibile utilizzare gli avanzi di un bel pollo arrosto.

Ho provato, in alternativa alla classica ricetta pollo, sedano e mais o pollo, sedano e noci, la combinazione pollo, filetti di peperoni (i buonissimi cornetti) ed olive taggiasche (ovviamente denocciolate).

Il tutto condito con un filo di buon olio d'oliva.

lunedì 22 gennaio 2018

Non la solita polenta

La polenta è un piatto semplice che si può accostare, in considerazione del gusto piuttosto neutro, a carne, pesce o formaggi.

Ma se volete dare un tocco in più alla solita polenta e se la preparate per mangiarla con il pesce vi consiglio di sostituire  parte dell'acqua di preparazione, con del fumetto di pesce.

Se invece volete preparare una polenta per lo spezzatino, utilizzate l'acqua in cui avete precedentemente messo in ammollo dei funghi secchi.

Ovviamente, in entrambi i casi dovrete usare una preparazione ben filtrata e la vostra polenta ne guadagnerà sia in gusto che in profumo.

Non la solita torta alla ricotta

In occasione di un pranzo di famiglia ha preparato una torta alla ricotta diversa dal solito, utilizzando al posto della gocce di cioccolato un mix di frutti di bosco essiccati, che ho messo in infusione in un bicchierino di Primitivo di Manduria passito.



Sarà stata la deliziosa ricotta, sarà stato l'aroma del Primitivo ma il risultato è un dolce classico ed innovativo al tempo stesso!

lunedì 15 gennaio 2018

Ancora avanzi da riutilizzare

Per antipasto, a Natale ho preparato i gattafin, una sorta di raviolo vegetariano fritto, tipico della cucina di Levanto, cittadina ligure a nord della Cinque Terre.

Mi è avanzato un po' del gustoso ripieno che ho utilizzato per riempire dei paccheri, che ho precedentemente sbollentato e poi condito semplicemente con una besciamella leggera e che ho infine fatto gratinare in forno.

lunedì 8 gennaio 2018

Avanzi delle feste: qualche idea per riciclarli

Sicuramente anche voi non siete usciti indetti dalle recenti festività ed avete qualcosa di avanzato che non sapete come utilizzare.

Che fare di una manciata di pistacchi avanzati dall'aperitivo di Natale? 
Tritateli grossolanamente e cospargete con la granella ottenuta un gustoso piatto di spaghetti con le vongole, come suggerito in una puntata della trasmissione "O mare mio" condotta da Antonino Cannavacciuolo.

Se, invece, vi è avanzata della panna che è prossima alla scadenza, utilizzatela per fare il budino, sostituendola in tutto o in parte al latte necessario per la preparazione.

lunedì 4 dicembre 2017

Pollo alla bagna di amaretti

Natale si sta avvicinando a grandi passi e la ricerca di piatti originali da proporre in occasione di pranzi o cene in famiglia si sta facendo spasmodica.

Per non arrivare alla vigilia con l'affanno bisogna cercare di preparare anticipo le pietanze da poi riscaldare il giorno in cui le si serve.

In occasione di un pranzo domenicale, nonostante lo scetticismo di mio marito che non ama particolarmente il pollo, ho preparato il "Pollo alla bagna di amaretti", ricetta trovata nel ricettario "I buoni sapori della nostra regione".

E' proprio una di quelle ricette che potete tranquillamente preparare il giorno prima e poi scaldare.

Perchè non proporre questo piatto per Natale!

Vi consiglio di dare un'occhiata a questo semplice ma interessante ricettario nel quale potete trovare una quarantina di ricette elaborate dalle classi iscritte al progetto regionale di comunicazione ed educazione alimentare nell’anno scolastico 2005.

Troverete antipasti, primi piatti, secondi e dolci: antiche ricette tramandate ai ragazzi dai loro nonni e quindi “condite” di tradizioni, oppure nuove ricette scaturite dalla studio, dall’elaborazione e dalla fantasia dei piccoli studenti. Ogni ricetta è accompagnata da una breve descrizione e dalle modalità di preparazione.

lunedì 6 novembre 2017

Conchiglioni ripieni

Non so se questa sia ancora la stagione della borragine ma sui banchi del mercato la si trova. Ho deciso di inaugurare la stagione autunnale con una succulenta teglia di conchiglioni ripieni.


Ho preparato un ripieno fatto con borragine sbollentata, ricotta e pecorino romano, con cui ho riempito la pasta dopo averla sbollentata.
Ho sistemato i conchiglioni in una teglia imburrata, li ho cosparsi con un ragù leggero ed ho messo in forno a gratinare per 30 minuti.

lunedì 30 ottobre 2017

Triglie in carpionata

Da quando ho provato la ricetta della "Carpionata di zucchine" non posso più fare a meno di questo condimento e lo utilizzo ogni volta che posso.


Vi posso assicurare che delle freschissime triglie di fango fritte in carpionata sono un golosissimo piatto, anche invernale, da assaporare a temperatura ambiente.

lunedì 16 ottobre 2017

Scuola di punti -

Sto realizzando una maglietta primaverile per mia figlia con il punto che vedete nell'immagine. A me ricorda una piuma o un ventaglio.


E' una lavorazione molto semplice che deve essere effettuata su di un numero di maglie multiplo di 12 + 14 maglie.

1° ferro: 1 rovescio - tutto diritto fino al penultimo punto - 1 rovescio
2° ferro: 1 diritto - 2 maglie insieme (per due volte) - * 1 gettato - 1 diritto (per 4 volte) - 2 maglie insieme (per 4 volte) * - 1 gettato - 1 diritto (per 4 volte) - 2 maglie insieme (per due volte) - 1 diritto.
Con le istruzioni fra gli asterischi si realizza un motivo (12 maglie) quindi bisogna ripeterle tante volte quante sono le maglie multiple di 12.
3° ferro: 1 rovescio - tutto diritto fino al penultimo punto - 1 rovescio
4° ferro a diritto.

Ripetete questi 4 ferri fino a raggiungere la lunghezza che desiderate per il vostro lavoro.

lunedì 9 ottobre 2017

lunedì 2 ottobre 2017

E' arrivato l'autunno

e con l'autunno sono arrivati i funghi!

Purtroppo non sono prodotti locali ma è difficile resistere alla tentazione di non acquistarli.


Ho preparato un piatto di Bresaola di Razza Piemontese, condita con un filo di olio extravergine d'oliva e succo di limone e l'ho cosparso di funghi porcini neri tagliati a lamelle sottili.

Il tutto è stato completato con pochissimo olio ed una spolverata di pepe bianco.

lunedì 18 settembre 2017

Gli ultimi fiori di zucca della stagione per un antipasto goloso

I fiori di zucca ripieni e fritti, e magari ripieni di mozzarella ed acciuga, sono una golosità a cui è difficile resistere.

Ormai siamo alla fine della stagione ma se vi capita di trovarne ancora vi consiglio di farcirli con un cucchiaino di gorgonzola e friggerli in tempura.

Me li ha proposti ieri come aperitivo mia cognata e confesso che è stato veramente difficile non fare il bis!

lunedì 4 settembre 2017

Triglie in pentola con cipolle: una ricetta gustosa e veloce

Ultimamente ho trascurato il blog, ma rieccomi a voi per segnalare una gustosa di ricetta.

Come accennato in un post precedente, d'estate cerco il più possibile di non usare il forno e sono sempre alla ricerca di ricette, soprattutto di pesce, da realizzare sul fornello.

Vi segnalo, pertanto, nell'ambito di un articolo comparso su "La Cucina Italiana" dal titolo "Le triglie in dieci ricette", la ricetta delle triglie in pentola con cipolle.

I pochissimi ingredienti (triglie, cipolle, pangrattato ed abbondante basilico) e la velocità di preparazione,  rendono questa ricetta un secondo ideale, da gustare a temperatura ambiente, per una cena estiva.